Aprirà al Cortellona un nuovo hub vaccinale: c’è il via libera di Ats, si partirà entro 10 giorni

Finalmente, e ce n’era veramente bisogno, anche Mortara avrà un suo centro vaccinale permanente. Tutto grazie all’impegno a all’interessamento della Fondazione Alceste Cortellona. Infatti l’hub vaccinale sarà realizzato proprio presso uno dei locali della casa di riposo. Il via libera da parte dell’autorità sanitaria è arrivato martedì 11 gennaio. Ora è solo questione di giorni. Secondo il presidente Luigi Ganimede (nella foto) le prime dosi potranno già essere somministrate entro due settimane. Per accedere al centro vaccinale cittadino, che sarà attivo per due giorni alla settimana dalle 9 alle 15, sarà necessario prenotarsi sul portale internet di Regione Lombardia, oppure contattando il numero verde, sempre della Regione. Insomma, la procedura consueta. La stessa che si segue normalmente per prenotare la vaccinazione anti Covid presso gli altri centri.

“Da tempo sentivo la necessità di fare qualcosa per la città – confessa Luigi Ganimede – anche perché sempre più di frequente sentivo le lamentele dei mortaresi costretti a recarsi a Vigevano, Mede, Abbiategrasso o Pieve del Cairo per ricevere il vaccino. Una difficoltà che diventa ancora più complessa da superare quando si tratta di persone anziane, oppure con particolari patologie. Di fronte a questa esigenza, appena prima di Natale, ho sottoposto al consiglio di amministrazione la mia proposta. I nostri consulenti sanitari ci hanno assicurato che sarebbe stato possibile realizzare un centro vaccinale in piena sicurezza, senza interferire con l’attività della residenza per anziani. E’ possibile isolare completamente un salone dal resto della struttura e separare gli accessi. Infatti tutti i membri del consiglio di amministrazione hanno approvato l’idea di chiedere ad Ats la possibilità di attivare un hub vaccinale presso la nostra struttura. Credo che possa esse un lustro per la Fondazione e un servizio molto importante per la comunità”.

Subito dopo le feste di Natale i tecnici di Ats hanno effettuato un sopralluogo, verificando l’idoneità dei locali. Poi è arrivato il via libera definitivo nella giornata di martedì 11 gennaio. “Ovviamente tutti i protocolli di sicurezza saranno rispettati – prosegue il presidente della fondazione – e non ci sarà mai un contatto tra gli ospiti della casa di riposo e le persone esterne. Tutto il personale impegnato nelle operazioni di vaccinazione sarà esterno alla Fondazione e gestito dall’autorità sanitaria. Il centro vaccinale sarà attivo due giorni alla settimana. Però i giorni devono ancora essere stabiliti. Certamente non si tratterà delle giornate di sabato e domenica. Infatti nel fine settimana i parenti degli ospiti si recano nella struttura per vedere, attraverso il vetro e senza contatti diretti, i propri congiunti. Per evitare qualsiasi tipo di promiscuità nel weekend non si effettueranno vaccini”. Ora scatta il conto alla rovescia. Ci vorranno circa 10 giorni per rendere operativo il centro vaccinale presso la casa di riposo Cortellona. Il primo esperimento di questo tipo risale al marzo del 2021. In quell’occasione ad attivarsi era stato il Comune. Presso la sala Borsa Merci era stato attivato una sorta di centro vaccinale provvisorio. Tanto provvisorio da essere gestito su base volontaristica e privo della possibilità di accedervi tramite una prenotazione effettuata sul portale della Regione. Questa volta la situazione è decisamente diversa e “ufficiale”. Ats attiva e gestisce direttamente un centro vaccinale vero e proprio.

Luca Degrandi