Al Tennis Club Mortara adesso si può giocare anche a padel, il nuovo campo è un gioiellino

MORTARA - Da oggi, giovedì 10 giugno, al centro sportivo Zignago è possibile giocare, oltre che a tennis, anche a padel. E’ stato ultimato infatti negli ultimi giorni il nuovissimo campo con un fondo “top” e anche una struttura all’avanguardia. “In settimana abbiamo aperto le prenotazioni del campo - conferma il presidente del Tennis Club Mortara, Giulio Corsico - le persone interessate possono contattare il circolo allo 0384 98612 per informazioni oppure ovviamente passare in club house di persona”.

Lo storico circolo di via Lomellina si arricchisce così di una vera chicca. Un gioiellino che non era mai esistito prima in città. “Si tratta del primo campo da padel a Mortara - prosegue Giulio Corsico - e per questo abbiamo puntato al meglio. L’investimento è stato significativo, ma riteniamo che questo sport così divertente e aggregante possa richiamare al circolo numerosi appassionati e tanti nuovi amici”. La possibilità di giocare anche con le sponde fa del padel, uno sport che si gioca due contro due, un’attività particolarmente divertente, che non richiede particolari basi tecniche. Del resto, chi non ha mai giocato a racchettoni in spiaggia? Il padel, concettualmente, è un gioco simile. “Per promuovere questa novità assoluta per il nostro circolo - conclude Giulio Corsico - e favorire chiunque desideri anche solo provare per la prima volta, mettiamo a disposizione l’attrezzatura. Chi non la possiede già, la potrà infatti noleggiare, ma anche acquistare direttamente dal club, grazie al nostro accordo con una grossa catena di articoli sportivi”. Il Tennis Club Mortara si prepara così a un’estate “aperti per ferie”, tra corsi di tennis, partite di padel e noleggio dei campi per i soci o aspiranti tali. “Il campo da padel è una tra le migliorie che il direttivo si è impegnato a realizzare per il circolo. Sicuramente è stato tra i più significativi, ma non sarà certo l’unico. La copertura del secondo campo da tennis esterno è già pronta, non l’abbiamo potuta utilizzare quest’inverno per le note ragioni legate al Covid, ma se nel prossimo autunno saranno consentite, come ci auguriamo tutti, le pratiche sportive, disporremo di due campi coperti, di cui uno sulla terra rossa”. E di campi così, in giro, se ne vedono davvero pochi...

Riccardo Carena