Aiuti all’Ucraina: da Mortara un fiume di generosità che non conosce mai fine

La raccolta di cibo, medicinali e beni di prima necessità procede incessantemente presso il monastero Ortodosso di San Giacomo e Filippo Apostoli di Mortara. “Un grazie di cuore – dichiara padre Kirill Arcuri – va a tutte le persone che portano aiuti da tutta la Lomellina. Abbiamo sempre bisogno del vostro aiuto, non giratevi dall’altra parte: ci servono medicine, giochi per bambini, vestiti primaverili ed estivi per bambini e per adulti, cibi di lunga conservazione, penne, matite, quaderni e pannolini. Ringraziamo i nostri collaboratori dell’associazione religiosa Jesus Provvidente, che da tempo si adopera anche per fornire aiuti ai nostri connazionali Italiani che sono in mezzo alla strada e hanno perso tutto”. Da quando è scoppiata la guerra in Ucraina, il monastero ortodosso si è subito attivato grazie all’operato di padre Kirill Arcuri, dell’abate Padre Evloghios Legnazzi, e con il contributo dell’arcidiocesi Ortodossa di Milano e delle missioni Odissea della Pace. “Con queste missioni – dichiara padre Kirill Arcuri – siamo riusciti a raccogliere più di 100 mila euro. Un grazie di cuore va all’artefice di tutto questo progetto, l’arcivescovo monsignor Avondios, per tutto quello che ha fatto da subito per queste persone. Un grazie di cuore alle nostre comunità ucraine di Milano e della Lomellina con l’amica Ruslana, anche lei ucraina che ci dà una grande mano presso il nostro monastero, e altre nostre comunità ucraine sparse in Italia, che continuano a contattarci”. La guerra purtroppo non finirà presto, e gli ortodossi sono preoccupati che si possa estendere anche in Europa, che possa diventare mondiale se non si trovano subito degli accordi di pace tra Ucraina e Russia. Chi vuole aiutare e contribuire alle donazioni o semplicemente vuole ricevere qualsiasi informazione può contattare il numero telefonico 389 8795759, oppure inviare una mail all’indirizzo jesus.provvidente@libero.it, oppure ancora passare presso il monastero in Strada Vecchia per Galliate 1521 a Mortara.

Massimiliano Farrell