Addio al cameriere tradizionale: tra i tavoli arriverà un... robot!

Il cameriere sul vassoio porta le ordinazioni, che possono essere trasmesse al personale direttamente con lo smartphone e il qr code presente sul tavolo.

Di fatto non è necessario parlare con nessuno, in quanto l’addetto è… un robot. Questa è la novità di Itoi, il nuovo ristorante di “asian creative experience” aperto a Mortara dall’altro ieri, lunedì, in via Raffaello Sanzio 30. Prima sorgeva un wok, locale di ispirazione cinese che puntava più sulla quantità che sulla qualità.

Ora gli intenti sembrano essere opposti, menù all you can eat ma a 25 euro bevande escluse (prezzo sopra la media) e una ricerca maggiore sulla materia prima e sulle combinazioni. Del resto adesso, post Covid, il buffet non è più possibile. Non solo sushi classico ma anche piatti cinesi e fusion, contaminazioni tra sapori del mondo.

Lo gestisce la famiglia Tutu, con già esperienze nella ristorazione a Viareggio e Colico, in Valtellina.

La vera star è il robot, anzi la robot.

Come specificano i titolari, vista la grazia è chiaramente una ragazza. Non raggiunge tutti i tavoli per via della conformazione del locale, ma farsi servire da miss robot (a detta dei fortunati che lo hanno provato) è realmente suggestivo, e non sbaglia un colpo.

“In Cina – spiegano i titolari – è già usuale, in Italia quasi per niente. Per questo abbiamo deciso di provarci, miglioriamo il servizio e sicuramente la cosa può suscitare curiosità”.

Davide Maniaci