A Ferrera il calcio è risorto con la Pro dei Piccoli Amici e dei Primi Calci

FERRERA - Grazie alla lungimiranza di un gruppo di amici e alla stretta collaborazione con il Comune a Ferrera il calcio è risorto. Siamo ancora lontani dai tempi gloriosi dell’Eccellenza, ma la ricostruzione necessariamente deve ripartite dalle basi. Con un occhio di riguardo ai giovani. Così la Pro Ferrera, presieduta da Valentina Cozzi, ha messo in campo appena l’anno scorso un progetto legato al settore giovanile che ha già convinto 25 famiglie. Grazie anche all’amministrazione guidata da Giovanni Fassina, che contribuisce notevolmente alla quota di iscrizione per i residenti a Ferrera. Ma ci sono anche tanti piccoli calciatori provenienti dai paesi vicino. “Per questo - spiega l’allenatore Roberto Maggi, che gioca anche nella prima squadra rossoblù in Terza categoria - abbiamo formato due gruppi. Tutti i bambini sono nati tra il 2013 e il 2016, con i Piccoli Amici che appartengono al biennio più giovane, 2015 e 2016 e i Primi Calci, del 2013, 2014 e 2015”. Oltre a mister Maggi, calciatore di lungo corso, con una buona carriera giocata soprattutto con la maglia del Garlasco, si occupa dei ragazzi dei Primi Calci della Pro Ferrera anche Federico Rognoni. Ludovica Comotti e Diego Lazzarin invece seguono i più giovani dei Piccoli Amici. Per entrambi i gruppi finalmente è ripartita anche l’attività in campo oltre gli allenamenti.

“Lo scorso 5 marzo - prosegue mister Roberto Maggi - abbiamo ospitato sul nostro bellissimo campo i vigevanesi del Superga, mentre domenica i Piccoli Amici hanno giocato a Gambolò. Il risultato per ora non conta, l’importante è coltivare un progetto nato la scorsa estate e crescere nei numeri, che sono già ben oltre le migliori aspettative iniziali”.

Riccardo Carena