L'Informatore Lomellino
 
 


Aste Immobiliari Giudiziarie


L'Editorialedi Giovanni Rossi

I fanghi, i sindaci
e le leggi


Tirando le somme dopo la grande manifestazione “No fanghi” di Mortara e il giro di opinioni dei sindaci lomellini sul tema dello smaltimento e rifiuti in agricoltura in ambito locale, si trovano molti spunti di riflessione. Premesso che alla base resta sempre la regola che vuole che i cittadini hanno gli amministratori che si meritano. In primo piano c’è stato lo straordinario successo della manifestazione organizzata il 28 marzo dal Comitato no fanghi. Un successo che non ha precedenti nella storia di Mortara, una grande festa della consapevolezza e dell’impegno civile, in un clima di allegria, di creatività, di vera festa della gente per la gente.


Leggi l'Editoriale completo


A.A.A. Gli annunci
nella cuccia



Lettere al Direttore

sezione due

Che tempo farà ...

Inserzioni Pubblicitarie

Link utili

 


sezione abbonati

Password:

L'INFORMATORE LOMELLINO
ON-LINE A CASA TUA PER UN ANNO A SOLI 30 EURO

Non sei ancora abbonato?
Clicca qui ...

 
4 pagine

Per tutti i lettori, quattro pagine dell'ultima edizione.


storico

DICEMBRE 2013

Il giornale sul tuo computer, tablet o smartphone a soli 30 euro per un anno
  IN PRIMO PIANO





Mortara: a San Pio X un market, un parco giochi e posti auto nell'area Colli

MORTARA - Tra poco più di un anno il quartiere di San Pio avrà il suo nuovo supermercato, proprio dove ora sorge il capannone della ditta Colli. Ma non si tratta solo di un market, infatti il progetto preliminare, che nei prossimi mesi sarà sottoposto alla Valutazione ambientale strategica, è molto più ambizioso e promette di riqualificare l’intera area con nuovi servizi. Sulla vasta superficie di oltre 6mila metri quadrati è prevista la realizzazione di un ampio parcheggio ad uso pubblico e una zona verde allestita con panchine e giochi per i bambini. In altre parole dovrebbe sorgere un parchetto in piena regola, con prato, panchine e divertimenti. “Rispetto al disegno inizialmente presentato – spiega l’assessore all’urbanistica Luigi Tarantola – abbiamo voluto apportare delle modifiche sostanziali, puntando sulla realizzazione di un’ampia zona verde al servizio dei cittadini. In questo modo abbiamo anche eliminato l’idea iniziale di comprendere nella zona un’area commerciale più ampia con la creazione di altri punti vendita”. In altre parole ci sarà solo il Market della catena Ld, ma nessun altra attività, come in un primo momento sembrava possibile, tanto che si era parlato dell’apertura di una parafarmacia. “Abbiamo voluto assecondare le esigenze dei mortaresi - continua l’assessore - che, in quella zona, hanno bisogno di posti auto e di un supermercato di media dimensione. Ciò significa che la sua dimensione sarà al di sotto dei 2mila metri quadrati e non rappresenterà un soggetto in concorrenza con i negozi del vicinato, tanto è vero che ho ricevuto un parere favorevole anche del segretario dell’Ascom”. L’ammin istrazione è convinta di poter realizzare il progetto entro la tornata elettorale del 2017, così da presentarsi alle urne con un doppio obiettivo centrato: nel quartiere di San Pio il nuovo market, mentre in viale Capettini la riqualificazione dell’area del Consorzio agrario. “L’amministrazione giocherà un ruolo fondamentale per le nuove assunzioni – precisa Luigi Tarantola - . Perché vogliamo che nello staff del supermercato siano assunti cittadini di Mortara. Ma attenzione, tutti i curriculm dovranno essere consegnati unicamente presso lo sportello comunale del Punto lavoro di palazzo Cambieri. É l’unica via per poter essere selezionati in futuro”. Il progetto preliminare, che però potrebbe ancora subire delle modifiche, è previsto anche la realizzazione di un parcheggio dalla capienza di circa 100 auto, vero ostacolo dell’ex punto vendita degli Zanotti che poteva contare solo su 22 posti auto e rendeva irrecuperabile lo stabile a questo scopo. Inoltre l’abbattimento del capannone della ditta Colli permetterà anche la bonifica dall’amianto di un’area già catalogata nel censimento svolto nel 2008. Da allora a Mortara sono stati registrati 217 siti con una rilevante presenza di Eternit. Gli amministratori ed i proprietari di immobili hanno l’obbligo di denunciare la presenza di manufatti contenenti amianto. Se l’indice di pericolosità, stimata da tecnici certificati, del manufatto in cemento amianto supera il valore 50, su una scala che va da 8 a 76, è obbligatoria la rimozione. Dei 217 siti censiti a Mortara circa una ventina superano la valutazione 50.

 

Mortara, così quadra il bilancio: meno personale, mutui estinti e aumento Tasi

MORTARA - Il bilancio è servito e sarà dato in pasto ai consiglieri comunali il 4 agosto. Il menù prevede anche la portata più indigesta per i mortaresi: l’aumento della Tasi (tassa sui servizi indivisibili). Infatti l’aliquota della tassa comunale passa da 2,25 a 2,75 per mille sulle rendite catastali delle abitazioni, mantenendo una detrazione fissa di 50 euro per la prima casa. Così il comune incasserà circa un milione e 220mila euro, rispetto agli 820mila euro riscossi i dodici mesi precedenti. Così la pressione fiscale da 540 euro per abitante balza a 603 euro procapite. Eppure i numeri non raccontano tutta la verità. “Si tratta di un dato fuorviante – spiega l’assessore al bilancio Fabio Farina - che non può essere paragonato in alcun modo alle cifre degli anni passati. Oggi, infatti, le amministrazioni comunali hanno a che fare con un nuovo tipo di contabilità, definita armonizzata, che prevede l’istituzione di un fondo pluriennale vincolato, pari a 175mila euro, e un fondo crediti di dubbia esigibilità che serve a coprire eventuali mancate riscossioni. Tutti e due i fondi incidono sulla pressione fiscale che, però, non è aumentata di 60 euro procapite come potrebbe sembrare. Se così fosse il Comune incasserebbe attraverso l’aumento delle tasse 900mila euro in più rispetto all’anno precedente. In realtà l’aumento della Tasi ci permette di incassare poco più di 300mila euro in più rispetto al 2014”. In ogni cosa, comunque la si voglia spiegare, l’amministrazione comunale ha compiuto delle scelte per recuperare gli oltre 900mila euro di trasferimenti statali mancanti. L’obiettivo della maggioranza era certamente quello di non tagliare i servizi e di lasciare invariati tutti i contratti con i fornitori e i contributi per associazioni, enti e spettacoli. Anche così si alimenta il consenso, attraverso quella che si potrebbe chiamare “spesa politica”. Un punto di confronto intestino alla maggioranza dove, talvolta, si è sfiorato lo scontro frontale tra i componenti della giunta guidata da Marco Facchinotti. Il braccio di ferro interno non ha risparmiato i servizi a domanda individuali, cioè quelli per i quali i mortaresi pagano una retta. “Nei prossimi anni – è l’opinione dell’assessore alle finanze - dovremo prendere atto che i servizi a domanda individuale non possono più autofinanziarsi attraverso le rette solo per il 60 per cento. Ad esempio basta pensare all’asilo che costa alle casse comunali circa 250mila euro all’anno, mentre attraverso le rette ne incassiamo solo 110mila”. Dopo settimane di lavoro la quadratura del cerchio è stata trovata confermando sia l’addizionale Irpef, quanto l’aliquota dell’Imu sulla seconda casa e i terreni agricoli. Altri 200mila euro sono stati risparmiati grazie all’estinzione di alcuni mutui ventennali. Infine altri risparmi sono arrivati dai minori costi del personale, grazie alla mancata sostituzione di alcuni dipendenti che andranno in pensione nel corso del 2015. “La cosa drammatica – continua il vicesindaco Fabio Farina – è che tutti i nostri conteggi sono stati fatti sulla base di un nuovo decreto legge che sarà convertito in legge dello Stato solo il 16 agosto. Significa che le norme potrebbero di nuovo essere modificate dopo il nostro voto in consiglio comunale fissato per il 4 agosto. É evidente che in queste condizioni non è più possibile parlare di autonomia locale e di potere dei comuni. Siamo in balia degli sbandamenti del governo Renzi che assomiglia sempre di più alla brutta copia del periodo berlusconiano”.


  AGENDA
Giovedì 30 luglio, ore 21 piazza Dughera Cantabar
Venerdì 31 luglio, dalle 18 centro città Teen Night
Sabato 1 agosto, ore 21 piazza Dughera Estival
 

 

             
 
INFORMATORE LOMELLINO - Dir. resp. Giovanni Rossi
Via Roma, 35 - Mortara (PV) - Tel 0384 98282 - Fax 0384 99449 - Mail: info@informatorelomellino.it

 

 

 
Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Verifica la validità dei fogli di stile