L'Informatore Lomellino  
 
 


Aste Immobiliari Giudiziarie


L'Editorialedi Giovanni Rossi

L'importanza
di chiamarla Leopolda


Sarebbe ingiusto voler vedere solo nella politica degli ultimi 20 anni quella immagine claunesca che oggi sta restituendo un po’ di allegria a 50 milioni di italiani alle prese con la crisi. Ma no, non solo Berlusconi e Renzi, non solo il mitico onorevole Razzi, quello con la “R”, non solo Bossi che si battezzava con le acque puzzolenti del Po, non solo Fini che perdeva la testa per una donnona certo non di primo pelo. Ma no, dai! Chi può dimenticare Amintore Fanfani, detto il mezzo toscano, per le origini e l’altezza, che negli anni ‘50 scorrazzava per i piani alti della politica lanciando le sue mitiche battute nella lingua di Dante, e chi può scordare Andreotti, che infarciva ogni frase con un moto di arguzia (si fa per dire) come la celebre “Il potere logora chi non ce l’ha”, passata negli annali come una delle più sciocche frasi del genere umano.


Leggi l'Editoriale completo


A.A.A. Gli annunci
nella cuccia



Lettere al Direttore

sezione due

Che tempo farà ...

Inserzioni Pubblicitarie

Link utili

 

LE NOSTRE GALLERIE DI IMMAGINI


Le lettere e i disegni
per la Festa del Papà


Quinta festa di Sant'Albino


 

sezione abbonati

Password:

L'INFORMATORE LOMELLINO
ON-LINE A CASA TUA PER UN ANNO A SOLI 30 EURO

Non sei ancora abbonato?
Clicca qui ...

 
4 pagine

Per tutti i lettori, quattro pagine dell'ultima edizione.


storico

DICEMBRE 2013

  IN PRIMO PIANO



Mortara, ennesimo furto in viale Capettini: i residenti protestano, "Abbattete gli alberi"

MORTARA – Dopo l’ennesimo assalto dei ladri, i residenti di viale Capettini adesso lanciano una proposta choc: se necessario taglieremo gli alberi del viale. Questa l’idea, certamente forte e provocatoria, pensata da alcuni residenti del viale dopo il furto perpetrato venerdì notte, ultimo atto, in ordine di tempo, di numerosi episodi di microcriminalità recentemente riusciti o tentati in zona. La scorsa settimana a finire nel mirino dei soliti ignoti è stato il negozietto di alimentari, sistemato di fianco alla sede cittadina della Croce Rossa, di cui è titolare la mortarese Anna Sacchi. Attorno alle mezzanotte alcuni balordi, a quanto pare giunti sul posto a bordo di un’auto di colore chiaro, hanno scassinato la porta d’ingresso e danneggiato il vetro antisfondamento, riuscendo così ad impossessarsi delle scorte, alimentari e non, del chiosco. “Ai ladri sono bastati pochi minuti – racconta la figlia della titolare – per svuotare il banco frigo, rubare l’affettatrice e razziare buona parte di quanto era esposto in negozio. Per fortuna alcuni residenti si sono resi conto di quanto stava succedendo e hanno chiamato i carabinieri, che sono intervenuti in pochi minuti evitando che i ladri potessero tornare a finire il lavoro”. Non un semplice furto per la commerciante mortarese, che negli ultimi due anni è stata presa di mira dai ladri almeno altre due volte, ma un colpo particolarmente duro destinato a lasciare il segno. “Oltre ai danni arrecati dai ladri alla struttura – spiega ancora la commerciante – e i costi per acquistare nuovamente le scorte e l’affettatrice devo fare i conti con il mancato incasso. Per poter riaprire, infatti, sarà necessario uno stop di almeno una settimana”. Il colpo all’attività commerciale segue di pochissime settimane il furto commesso ai danni di una giovane impiegata mortarese che nottetempo si era vista l’auto saccheggiata delle quattro ruote. Ma non solo. Negli ultimi mesi, infatti, i balordi hanno preso di mira i garage e le cantine di alcune abitazioni, più volte “visitati” con alterne fortune. Comunque sia un inquietante susseguirsi di episodi davanti ai quali i residenti adesso chiedono una presa di posizione da parte dell’amministrazione comunale. “Mortara da anni è in un preoccupante stato di degrado – denunciano alcuni abitanti di viale Capettini – e il viale è lasciato nell’incuria più totale. Non solo è sporco e pieno di foglie che nessuno provvede a smaltire, ma soprattutto è buio. Quando calano le tenebre c’è da aver paura a camminare sotto il viale perchè gli alberi oscurano completamente le luci dei lampioni, tanto che anche attraversare la strada risulta molto rischioso - continuano - Abbiamo fatto presente la cosa molte volte ma nessuno ci ha dato retta, forse perchè qui non abitano né il sindaco né gli assessori. A questo punto ci chiediamo: saremo costretti ad arrangiarci da soli e a tagliare gli alberi a ridosso dei lampioni o possiamo sperare che qualcuno si prenda carico di fare manutenzione delle luci o delle piante così da garantirci un minimo di sicurezza?”. L’idea di “sfoltire” le piante per eliminare in parte il buio della strada ora è diventata una proposta concreta, che potrebbe sfociare in una raccolta firme. Che potrebbe essere tranquillamente evitata se qualcuno prima almeno prova a farsi carico delle richieste dei cittadini.

 

Sartirana: prestiti alle giovani coppie, gli interessi li paga il Comune

SARTIRANA - L’amministrazione del sindaco Ernesto Prevedoni Gorone compie un passo importante nei confronti di coppie giovani e famiglie supportando il “progetto famiglia” del Banco Popolare che a Sartirana ha una sua filiale in via Cavour. La banca ha predisposto un prestito generico, cioè un prestito personale classico dedicato a persone fisiche che desiderano un prestito semplice ed essenziale per soddisfare qualsiasi esigenza o far fronte a spese in ambito familiare da un minimo di euro 1000 ad un massimo di euro 3000. Disponibile la scelta tra tasso fisso o tasso variabile, concordato nell’ambito della convenzione con il Comune e con durata minima di 12 mesi e massima di 36 mesi. La concessione del prestito e’ ad insindacabile giudizio del Banco Popolare. Per una corretta valutazione della pratica da parte della Banca, sono necessari i documenti d’identità e codice fiscale degli intestatari, i documenti reddituali (CUD e ultime due buste paga o Modello Unico) e uno Stato di famiglia. La documentazione andrà consegnata presso la Filiale di Sartirana del Banco Popolare in Via Cavour 247, ove tutti gli intestatari firmeranno la richiesta del prestito e in 8 giorni lavorativi al massimo si otterrà la risposta. Alla erogazione del prestito verrà aperto anche un conto corrente ordinario in convenzione agevolata per permettere di far confluire il controvalore del prestito e permettere il pagamento delle rate, oltre alla normale operatività tipica di un conto bancario. Tale prestito è reso diponibile in particolare alle coppie giovani ed ai cittadini che, pur lavorando, hanno necessità di integrare il loro reddito familiare attivando pratiche creditizie. A fronte del prestito, il comune di Sartirana ha previsto di farsi completamente carico degli interessi debitori maturati che verranno rimborsati alla scadenza di ciascun anno solare e fino alla naturale estinzione del debito direttamente al precettore del prestito che ovviamente mantenga il regolare e corretto rapporto di rimborso nei confronti della banca erogante. Maggiori dettagli saranno disponibili direttamente presso l’ufficio del sindaco.


  AGENDA
Venerdì 24 ottobre, ore 20:30 Mortara Solenne processione in onore di Santa Veneranda
 

 

             
 
INFORMATORE LOMELLINO - Dir. resp. Giovanni Rossi
Via Roma, 35 - Mortara (PV) - Tel 0384 98282 - Fax 0384 99449 - Mail: info@informatorelomellino.it

 

 

 
Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Verifica la validità dei fogli di stile